Tecnologia

Tutti pronti per l'agricoltura del futuro

minuti durante la lettura il tempo
Tags: EmissioniZero, Connectivity, Emobility, Efficienza
La popolazione mondiale sta crescendo e ha bisogno di un'agricoltura più produttiva e sostenibile. Smart farming è lo strumento ideale per affrontare le sfide del settore agricolo.
Kathrin Wildemann, novembre 14, 2019
author_image
Kathrin Wildemann fa parte del Copy Team permanente di ZF dal 2016. Nei suoi articoli online e offline ama trattare la mobilità elettrica in tutti i suoi aspetti e altre tematiche legate alla sostenibilità.
La popolazione mondiale cresce al ritmo di due persone al secondo. Nel 2050 il nostro pianeta conterà circa 9,6 miliardi di abitanti, ovvero il doppio della popolazione globale nel 1987. La produzione agricola deve aumentare di almeno il 50% rispetto al 2013 per riuscire a soddisfare la domanda di cibo, biocarburanti e altri prodotti agricoli. Questi sono i numeri pubblicati dalla FAO, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura. In questo contesto va ricordato un altro fattore chiave, che però non riesce a tenere il passo con la crescita della popolazione: stiamo parlando del terreno coltivabile, che con il 37% circa della superficie terrestre, è rimasto invariato, facendo segnare un leggero calo dalla fine degli anni Novanta.

Siccità, caldo, condizioni meteorologiche estreme: l'influenza del mutamento climatico sull'agricoltura

Siccità, caldo, condizioni meteorologiche estreme: l'influenza del mutamento climatico sull'agricoltura
A rendere le cose ancora più difficili per il settore agricolo c'è un'altra tendenza globale. Sono le conseguenze del mutamento climatico, di cui l'agricoltura risente in maniera più dura rispetto agli altri settori economici. Se le temperature più elevate e l'aumento delle precipitazioni nei climi più temperati possono avere un effetto temporaneamente positivo, caldo, siccità e inondazioni causeranno un declino del rendimento dei raccolti sul lungo periodo a livello globale. A risentire già oggi di questi problemi sono soprattutto i Paesi a basso reddito nelle regioni più calde, dove gli agricoltori spesso non hanno le risorse per adattare le loro procedure alle nuove condizioni.
Di conseguenza gli agricoltori hanno bisogno di metodi per aumentare in maniera significativa la loro produttività. In questo modo saranno in grado di dare da mangiare a tutti i 9,6 miliardi di persone che abiteranno la Terra nel 2050 e allo stesso tempo potranno lavorare in modo sostenibile e rispettoso delle risorse. Le tendenze tecnologiche che hanno già rivoluzionato molti altri aspetti della nostra vita quotidiana possono trovare impiego anche nell'agricoltura, ad esempio la digitalizzazione e l'interconnessione di vari dispositivi, le informazioni e i sistemi indipendenti nell'IoT (Internet of Things).
La produzione agricola deve crescere almeno del
50 percento
entro il 2050 per tenere il passo con le esigenze della popolazione mondiale in continua crescita.
Ecco in che modo eTRAC facilita il lavoro sulle pendenze o sui terreni più morbidi. Inoltre, la spinta aggiuntiva di eTRAC permette all'agricoltore di tirare un rimorchio più pesante con un trattore motorizzato meno potente.

Smart farming porta la digitalizzazione e l'interconnessione nelle aziende agricole

Smart farming porta la digitalizzazione e l'interconnessione nelle aziende agricole
Che aspetto avranno le aziende agricole del futuro? Nel terreno saranno installati sensori per controllare l'umidità e altre proprietà del suolo, mentre i droni monitoreranno le condizioni delle piante dall'alto. Questi dati permetteranno di calcolare con precisione la quantità necessaria di acqua, fertilizzante o pesticidi e di applicarli in modo mirato. La semina verrà effettuata da un trattore dotato di sistemi di assistenza intelligenti basati su mappe ad alta risoluzione che useranno in maniera ottimale la terra arabile disponibile seguendo meticolosamente il percorso calcolato. Nel frattempo gli agricoltori potranno concentrarsi sui propri compiti e controllare la semina.
Un sistema interconnesso di questo tipo non si limita a ridurre i costi delle materie prime ma protegge anche l'ambiente. L'Istituto di ricerca statale bavarese per l'agricoltura ha calcolato che un'azienda digitalizzata consumerà il 10% in meno di erbicidi e 20% in meno di carburante.
Se integrata in un aratro, la trazione elettrica eTRAC in prossimità della ruota supporta la trazione in modo puramente elettrico.

ZF applica l'approccio dello smart farming anche nel suo portafoglio agricolo. "Efficiente, sicura e interconnessa: questa è la nostra visione per l'agricoltura del futuro", spiega il Dr. Karl Grad, responsabile per la linea di prodotti Sistemi per macchine agricole in ZF. "Con i nostri sistemi vogliamo aiutare gli agricoltori ad attrezzarsi per le sfide del futuro." ZFlink, la soluzione di connettività del gruppo, permette di monitorare in qualsiasi momento le condizioni delle attrezzature agricole mediante un'app, ma anche di programmare in anticipo la manutenzione dei veicoli in base ai dati forniti dalla trasmissione. Ciò riduce i tempi di fermo, i danni conseguenti e i costi. I sistemi di assistenza basati su radar per trattori sono in grado di rilevare la presenza di pedoni e ciclisti, pertanto garantiscono una maggiore sicurezza all'interno dell'azienda e nel tragitto per arrivare ai campi.
ZFlink, la soluzione di connettività del gruppo, permette di monitorare in qualsiasi momento le condizioni delle attrezzature agricole mediante un'app, ma anche di programmare in anticipo la manutenzione dei veicoli in base ai dati forniti dalla trasmissione.

Più efficienza, meno emissioni

Più efficienza, meno emissioni
La Vision Zero di ZF, pensata per creare un mondo senza incidenti ed emissioni, affronta un ulteriore problema: l'agricoltura è sì vittima del mutamento climatico, ma allo stesso tempo è una delle attività a produrre più gas serra, con il 21% di tutte le emissioni globali. A fare la parte del leone sono il metano e gli ossidi di azoto che derivano dall'allevamento, ma anche i gas di scarico dei veicoli agricoli non vanno sottovalutati. Le trasmissioni ausiliarie elettriche per i trattori, le attrezzature o i rimorchi hanno spesso un potenziale considerevole quando si tratta di contenere i consumi di carburante e le emissioni di anidride carbonica. Fedele al suo motto "ZF elettrifica tutto", il gruppo ha sviluppato tante soluzioni per applicazioni diverse.
L'AgriApp di ZF prepara le informazioni con la massima chiarezza.

Ad esempio, se integrata in un aratro, la trazione elettrica eTRAC in prossimità della ruota supporta la trazione in modo puramente elettrico e facilita il lavoro sulle pendenze o sui terreni più morbidi. Inoltre, la spinta aggiuntiva di eTRAC permette all'agricoltore di tirare un rimorchio più pesante con un trattore motorizzato meno potente. Si tratta di un effetto positivo non solo per il clima ma anche per il sottosuolo. Del resto la compattazione del terreno arabile è uno dei problemi più diffusi dell'agricoltura.